Pesca all’Aguglia sulle coste di Palinuro

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
pesca-allaguglia-sulle-coste-di-palinuro

Foto di euparkeria

Pesca all’Aguglia sulle coste di Palinuro

Il sapore della desiderata cattura

Pesca all’Aguglia sulle coste di Palinuro. L’aguglia (Belone belone) si riconosce dal corpo allungato e sottilissimo, quasi anguilliforme, dal becco con numerosi dentini e con la mandibola più lunga della mascella, dal colore grigio argentato, scuro sul dorso e bianco sul ventre e dalle pinne nella parte posteriore del corpo. Può raggiungere il peso di 1,3 kg e una lunghezza di 90 cm.

L’aguglia è un pesce che si trova lungo le coste italiane e in generale nel Mediterraneo. Alla fine dell’estate inizio autunno tende ad avvicinarsi alla costa creando fitti branchi che si muovono viaggiando a pochi metri dalla superficie dell’acqua spostandosi in continuazione. I branchi di aguglie sono facilmente visibili a distanza perché formano dei caratteristici cerchi e increspature sulla superficie e fanno dei veri salti fuori dall’acqua. Si allontanano dalla costa durante il periodo invernale per spostarsi in acque più profonde e calde. Si nutrono maggiormente di pesci di piccole dimensioni come le sardine e le alici, ma sono particolarmente ghiotti di crostacei, vermi e anche bigattini.
Considerando le sue caratteristiche di predatore, l’aguglia può essere catturata con varie tecniche di pesca. Da riva con una canna bolognese di 4/5 mt utilizzando bigattini, coreani o egiziani, innescati su ami del 14/16 con un terminale di 0,12/0,14. La piombatura del sughero dovrà essere di 10/30 g in modo da farlo scarrocciare dalla corrente del mare oppure lanciarlo a lunga distanza per poi recuperarlo lentamente. Per raggiungere distanze superiori il sughero piombato può essere sostituito con una bombarda.
A spinning montando dei piccoli artificiali come cucchiaini ondulanti o rotanti lucenti. Dalla barca si può tentare di insidiare l’aguglia a traina simulando il movimento dell’esca con la stessa barca a motore.
Spesso l’aguglia viene utilizzata come esca per insidiare altri predatori ben più grossi come ricciole, serra, lecce e spigole. Per usare l’aguglia come esca viva, una volta recuperata, bisogna conservarla in appositi contenitori o vasche per il vivo con acqua corrente fino al momento dell’innesco. Infatti, l’aguglia morta non dà gli stessi risultati di cattura di una viva ed è per questo motivo che l’aguglia viene spesso catturata a traina usando come esca batuffoli di cotone colorato dove l’aguglia rimane inesorabilmente impigliata con i suoi numerosi dentini.

Scritto da Marco Franco

Lascia un commento

Chi siamo

Lo Squalo dal 1977
Blue Dolphin dal 2009

La sua nascita come “Lo Squalo” risale al lontano 1977, fu’ una delle prime attivita’ di Subacquea nata a Palinuro. Nel corso degli anni e’ diventato un punto di riferimento per moltissimi subacquei esperti e non, aumentando constantemente il proprio trend di crescita e fornitura nel settore, collaborando e fornendo le migliori marche a molti diving della zona. Le radici di questa attivita’ e dei prodotti trattati hanno determinato il suo successo.

 

Ultimi Articoli

Ultimi prodotti in offerta

Seguici!

Iscriviti alla Newsletter

Per esser sempre il primo a sapere le novita e a ricevere le nostre offerte prima che i prodotti vadano in esaurimento, iscriviti ti manderemo una mail al mese, non di più!