Pesca all’occhiata dal molo dei Francesi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
pesca-allocchiata-dal-molo-dei-francesi

Foto di Enrico Maria Rendina

Pesca all’occhiata dal molo dei Francesi

La pace del mare notturno mi riscalda l’anima

Pesca all’occhiata dal molo dei Francesi. L’Occhiata è un pesce comune sia nel Mediterraneo che nell’Oceano Atlantico, si trova in tutte le coste e in mare aperto. E’ facilmente riconoscibile dalla presenza di una macchia nera sulla parte terminale del corpo (peduncolo caudale), l’occhio è circolare con delle dimensioni maggiori se confrontate con la taglia del pesce, può raggiungere i 35 cm di lunghezza e può superare anche il kg di peso.

L’occhiata viaggia sempre in branchi molto numerosi (più di 100 individui) che quando il mare è calmo si fermano immobili ad una determinata profondità e senza nuotare si fanno portare dalle correnti marine. E’ un pesce onnivoro (in grado di digerire sia cibi vegetali che animali) con una certa preferenza per i piccoli invertebrati come vermi e gamberetti, ma se opportunamente pasturato, accetta anche esche prodotto dall’uomo come il bigattino, la tremolina e i coreani.
In primavere e in estate frequenta zone dove l’acqua è poco profonda e quindi si può insidiare con varie tecniche dalla traina leggera (esche naturali vive o morte, esche artificiali come cucchiaini ondulanti o rotanti), oppure a bolentino. Dalla spiaggia o dagli scogli, le occhiate si possono catturare con la pesca al recupero (sugheri piombati o bombarde) utilizzando come esca il bigattino, il coreano, la tremolina, vermi o piccole esche artificiali.
E’ importantissima la tecnica di pasturazione, perché in genere i bigattini lanciati con la fionda e presi dalle correnti, finiscono per portare i pesci lontano dalla zona di pesca, per questo motivo è importante integrare alla pasturazione una base di sarda in modo da creare una nuvola di pastura a mezz’acqua che trattiene il pesce sul posto. E’ un pesce estremamente attratto dal colore bianco e in mancanza dell’immortale bigattino, si può usare un batuffolo di cotone oppure il grasso del prosciutto. Un’altra pesca divertente per insidiare l’occhiata è quella estiva fatta in canoa o in canotto trainando una piumetta montata su una lenza molto leggera. La sua carne è simile a quella dell’orata o del sarago.

Scritto da Marco Franco

Lascia un commento

Chi siamo

Lo Squalo dal 1977
Blue Dolphin dal 2009

La sua nascita come “Lo Squalo” risale al lontano 1977, fu’ una delle prime attivita’ di Subacquea nata a Palinuro. Nel corso degli anni e’ diventato un punto di riferimento per moltissimi subacquei esperti e non, aumentando constantemente il proprio trend di crescita e fornitura nel settore, collaborando e fornendo le migliori marche a molti diving della zona. Le radici di questa attivita’ e dei prodotti trattati hanno determinato il suo successo.

 

Ultimi Articoli

Ultimi prodotti in offerta

Seguici!

Iscriviti alla Newsletter

Per esser sempre il primo a sapere le novita e a ricevere le nostre offerte prima che i prodotti vadano in esaurimento, iscriviti ti manderemo una mail al mese, non di più!